michael_jackson_thriller_12_inch_single_usaArtista: Michael Jackson
Etichetta: Epic/CBS
Anno: 1982

Thriller compie 25 anni.
Uscì poco prima del Natale 1982 per mantenere le altissime attese che lo accompagnavano.
Qualche anno prima Michael Jackson aveva dato un netto taglio al suo passato abbandonando la Motown per affidarsi alla multinazionale Epic (Non ancora Sony) e, soprattutto, alle sapienti mani di Quincy Jones che sarebbe diventato il produttore dell’album che lo rese “il grande Jacko” (Off The Wall).
Al motto di “Squadra che vince non si cambia”, per Thriller fu di nuovo Quincy Jones a stare al banco di regia e forse buona parte del merito dell’album è proprio sua.
Thriller è un autentico classico della musica pop con primati di vendite non ancora eguagliati (105 milioni di copie vendute fino ad oggi!).
Una volta tanto, è necessario ammetterlo, il successo va a di pari passo con la qualità. Il disco è davvero formidabile e brani come Billie Jean, Beat it e la stessa Thriller sono entrati a ragion veduta nell’immaginario collettivo grazie anche ai video davvero innovativi ad essi abbinati.
Tra i vari primati dell’album, infatti, c’è anche quello (in realtà dovuto più al momento storico che altro) di avere sovvertito le regole del videoclip conosciute fino a quel momento. Vi basti l’incredibile mini-film costruito attorno a Thriller, per la regia di John Landis, ancora oggi un vero e proprio capolavoro di video musica, per capire la cifra di questo formidabile ellepì.
L’album è pieno di grandi canzoni pop che, con l’eccezione di Baby Be Mine e The Lady in my Life, vennero tutte pubblicate anche in versione 45giri.
Grande anche il parterre di collaboratori strillati in copertina: c’è Paul McCartney (nella graziosa The Girl is Mine, primo singolo estratto dall’album), Eddie Van Halen (sua la chitarra in Beat it), Jeff Porcaro (quasi sempre lui a suonare la batteria) e suo fratello Steve (tra l’altro co-autore di Human Nature) e c’è anche il grande Vincent Price che, in puro stile Horror anni 50 esegue il famoso rap, con ristata orrorifica annessa, in coda alla title track.
Il titolo dell’album, fino a pochi giorni prima della sua uscita, doveva essere Star Light, ma fu cambiato all’ultimo momento a causa delle potenzialità del brano Thriller che sarebbe, come si sa, diventato un successo internazionale .
L’album, nella storia, ha avuto moltissime riedizioni. Quella più rilevante, fino ad oggi, è del 2001 nata per celebrare i 30 anni di carriera di Jacko, che conteneva anche quattro Bonus Track (due inediti e due demo).
Tra pochi giorni, invece, uscirà la versione speciale per il venticinquesimo,
sicuramente molto più ricca di extra (in generale sono rifacimenti di alcuni pezzi dell’album che Michael Jackson ha inciso con Fergie, Kanye West ed altri), accompagnata anche da un DVD coi i tre video di cui sopra.
Se non conoscete ancora questo disco, probabilmente siete stati in coma negli ultimi 25 anni oppure siete in prima elementare.
Se fate parte di questa minoranza, consiglio vivamente provvedere subito a mettervi in pari con un disco che non dimostra nemmeno uno dei suoi 25 anni.

Thriller – Michael Jackson

Wanna Be Startin’ Somethin’
Baby Be Mine
The Girl Is Mine
Thriller
Beat It
Billie Jean
Human Nature
P.Y.T. (Pretty Young Thing)
The Lady In My Life

Bonus dell’edizione del 2001:
Someone in the Dark  (inedito tratto dale sessions dell’album)

Bonus dell’edizione del 25° anniversario:
Vincent Price (bonus track)
The Girl Is Mine 2008 (con will.i.am)
P.Y.T. (Pretty Young Thing) (con will.i.am)
Wanna Be Startin’ Somethin’ 2008 (con will.i.am e Akon)
Beat It 2008 (con Fergie)
Billie Jean 2008 (con Kanye West)
For All Time (inedito tratto dale sessions dell’album)
Billie Jean (demo)
Thriller (con una performance alternativa di Vincent Price)
Carousel
Con Thriller, Fard-Rock inaugura questa nuova rubrica che, nel suo titolo, dichiara esplicitamente il suo intento. Dischi di ieri (ed a volte dell’altro ieri) che per varie ragioni vale la pena riascoltare.


Annunci