Etichetta: Matador
Tracce: 10 – Durata: 44:16
Voto:
4/10

Se siete tra coloro che pensavano al “new-wave revival” come panacea alla crisi creativa del nuovo millennio, allora è arrivato il momento di una secchiata d’acqua gelata in faccia. Pensateci: i generi musicali non sono come le correnti dell’arte figurativa. E’ piuttosto difficile (non impossibile ma quasi) renderli credibili fuori dal loro contesto. Per esempio, se metti su una band rockabilly, probabilmente sarai destinato ad avere un ciuffo in testa ed un batterista che suona in piedi, se fai garage-beat devi farti crescere i capelli e pettinarli a caschetto eccetera… Uscire da questi binari e rimanere attendibili è una qualità di pochi.
Sicchè se Interpol furono responsabili di aver acceso la miccia della nostalgia anni 80, all’epoca dell’esordio del 2002 (Turn Out The Bright Light), oggi possiamo tranquillamente dire che con il nuovo disco eponimo, stanno raccogliendo il poco che rimane da una deflagrazione ormai molto più che attenuata.
Il nuovo album di Interpol non è orrendo, semplicemente è qualcosa che entra da un orecchio ed esce dall’altro. Non contiene niente. Niente che non si sia già sentito prima. Con l’aggravante che il già sentito, stavolta, non fa riferimento a modelli illustri di 30 anni fa, bensì proprio alla discografia della band di Paul Banks. Un già fatto del già fatto. Macchiettismo di serie B. Zero idee.
Una raccolta di canzoni nate stanche, buone solo come esempio di maniera sbagliata, al servizio di un album concepito per autoestinguersi. Una dopo l’altra, le tracce del disco non fanno che battere su un ferro talmente assottigliato da sembrare trasparente, arie melodiche stantie e caricaturali, liriche pacchianamente decadenti, e uso degli strumenti (la voce su tutti) con gli eterni (ed ormai insopportabili) rimandi a Psychedelic Furs, Joy Division e Echo & The Bunnymen.
Dopo l’exploit su Capitol del precedente Our Love to Admirer, con questo album la band ritorna all’indipendente Matador. Se questo inizialmente aveva fatto pensare ad un bisogno di maggiore libertà espressiva, sentito il risultato viene da pensare che forse un prodotto come questo non interessasse ad una major di quelle dimensioni. Congetture, certo ma, se così fosse io non mi sentirei di biasimarla.

PROVALO
COMPRALO