Artista: Nirvana
Etichetta: Geffen Records
Anno: 1991

Per farla in barba a tutti coloro che tra un paio di settimane si appresteranno a festeggiare il ventennale di Nevermind (inclusa la Geffen che sta per pubblicare una versione super deluxe 4CD+DVD), io gioco d’anticipo e celebro già oggi quello che è stato uno dei punti di svolta dell’odierno rock’n’roll.
Il secondo disco dei Nirvana fu un successo straordinario capace, da solo, di sconvolgere il mondo dell’intera discografia e artefice del ritorno di fiamma per la musica rock da parte della gioventù (prima americana e poi mondiale).
Il movimento di band di Seattle, che già da tempo aveva iniziato a rumoreggaiare in USA, conferì anche ai Nirvana una certa notorietà e il loro album d’esordio, Bleach, finì per convincere i dirigenti della Geffen Records ad offrir loro un ingaggio. L’obiettivo era quello di eguagliare il successo di Goo dei Sonic Youth che l’anno prima aveva raggiunto la quota di 250.000 copie vendute.
Come la storia ci spiega, non solo le aspettative furono superate (oggi siamo intorno ai 30milioni di copie) ma Nevermind diventò un autentico punto di riferimento sia per la cosiddetta corrente grunge che per l’intero panorama della musica rock del XX secolo.
Inciso con budget altissimo presso gli studi Sound City (Van Nuys) e Devonshire (North Hollywood), sotto l’egida di Butch Vig, l’album si presenta come un potentissimo concentrato di musica rock, abbinato alla forma smagliante del pop e con una brillantezza sonora mai sentita prima di allora.
Butch Vig fino ad allora era un giovane batterista, proprietario di un piccolo studio di registrazione (lo Smart Studio), convocato dalla band dopo aver sentito il lavoro che aveva svolto per Gish degli Smashing Pumpkins. Per Nevermind Vig si superò, ottenendo un sound particolarmente innovativo nella gamma piuttosto ristretta offerta da un trio con basso, chitarra e batteria. Non è un caso, infatti, che assieme a quello per la band e per l’intera scena musicale di Seattle, Nevermind rendesse star anche il suo produttore. Butch Vig grazie a questo, qualche anno dopo, potrà permettersi il lusso di creare dal nulla e portare ai vertici delle classifiche una sua personale band: Garbage.
Nirvana iniziarono le registrazioni subito dopo aver ingaggiato Dave Grohl, il nuovo batterista arrivato a sostituire l’irrequieto Dale Crover, che si dimostrò subito molto adatto a sorreggere ritmicamente le idee compositive della band. In breve tempo si creò un amalgama perfetto e le canzoni cominciarono a prendere forma diventando qualcosa di straordinariamente innovativo. Si trattava di musica leggera, con composizioni classiche basate su strutture semplici, abbinata alla devastante potenza della musica punk. Una miscela micidiale magnificamente interpretata da una band nel fiore della creatività. Testi strampalati, al limite dell’assurdo, che Kurt Cobain attribuirà alla tecnica del cut-up, una ritmica solida e precisa, abbinata all’incisiva e raffinata ricercatezza della produzione di sala, resero Nevermind un prodotto di primissima qualità, perfettamente compreso dai dirigenti della Geffen che decisero di supportarlo con una massiccia campagna promozionale.
La bomba iniziale, Smells Like Teen Spirit (uscita anche su singolo), fu lo start perfetto. Chiunque in quei giorni si avventurasse nell’ascolto dell’album non poteva che rimanere ammaliato dalla straordinaria potenza di quel brano. Un riff apparentemente semplice, un ritornello pedante ed orecchiabile, la voce emozionata di Cobain furono gli ingredienti di un pezzo pop tra i più rappresentativi dell’intera storia del rock’n’roll.
Allo stesso modo funziona Come as You Are che attenua la grinta e presenta un lavoro di arrangiamento e produzione davvero sopraffini. L’intro, con il famoso effetto chorus, fu un’idea particolarmente efficace (sebbene i Killing Joke avessero avuto da ridire sostenendo che fosse copiato dalla loro Eighties) e convinse i discografici a pubblicare il brano come secondo singolo. Dopo la morte di Cobain, molti si interrogarono sul primo verso della canzone (And I swear that I don’t have a gun) secondo alcuni un messaggio esplicito riguardo gli istinti che avrebbero portato il cantante al suo definitivo gesto. Ovviamente non c’è fondamento e, anzi, proprio l’autore stesso nei comunicati stampa, parlava di Come as You Are come di “una love song d’altri tempi”.
I due brani qui sopra citati sono esplicativi della struttura dell’album che alterna, con sapienza e rigore, pezzi hard e ballate pop diventando, nell’era immediatamente precedente a quella del download digitale, uno degli ultimi album intesi come tali.

A suo modo innovativa fu anche la copertina: Spencer Elden, un bambino di 4 mesi è fotografato nudo in una piscina di Pasadena mentre s’appresta ad abboccare ad un amo la cui esca è un biglietto da un dollaro. La foto, contrariamente a quanto si pensa, non fu scattata appositamente per l’album ma venne scelta dalla Geffen dal portfolio intitolato underwater del fotografo americano Kirk Weddle.
Nevermind ha guadagnato ben dieci dischi di platino, arrivò al primo posto nelle chart di tutto il mondo, compare in tutte le classifiche dei migliori dischi rock di tutti i tempi ed è una delle registrazioni conservate presso la United States National Recording Registry

Nirvana Nevermind (Geffen Records) Pubblicato il 24 settembre 1991.

Smells Like Teen Spirit – 5:02
In Bloom – 4:15
Come as You Are – 3:39
Breed – 3:04
Lithium – 4:17
Polly – 2:57
Territorial Pissings – 2:23
Drain You – 3:44
Lounge Act – 2:37
Stay Away – 3:33
On a Plain – 3:17
Something in the Way – 3:51
Endless, Nameless (solo in alcune copie) – 6:43

====================

Deluxe Edition (Geffen Records) Settembre 2011

CD 1

Nevermind 2011 remaster and B-sides

Smells Like Teen Spirit
In Bloom
Come as You Are
Breed
Lithium
Polly
Territorial Pissing
Drain You
Lounge Act
Stay Away
On a Plain
Something in the Way
Endless, Nameless
Even in His Youth
Aneurysm
Curmudgeon
D-7
Been a Son (Live)
School (Live)
Drain You (Live)
Sliver (Live)
Polly (Live)

CD 2
The Smart Studio Sessions, The Boombox Rehearsals, BBC Sessions

In Bloom
Breed (Immodium)
Lithium
Polly
Pay to Play
Here She Comes Now
Dive
Sappy
Smells Like Teen Spirit
Verse Chorus Verse
Territorial Pissings
Lounge Act
Come as You Are
Old Age
Something in the Way
On a Plain
Drain You (Live)
Something in the Way (Live)

Tracce 1–8 registrate nell’aprile 1990 presso lo Smart Studio di Butch Vig a Madison, Wisconsin.
Tracce 9–16 registrate a marzo 1991 a Tacoma, Washington nella sala probe della band.
Tccia 17 è una BBC Session incisa il 3 settembre 1991 per il John Peel‘s BBC Radio 1 show.
Traccia 18 è stata incisda il 9 novembre 1991 per il Mark Goodier‘s Radio 1 show.


CD 3
Nevermind The Devonshire Mixes

Smells Like Teen Spirit
In Bloom
Come as You Are
Breed
Lithium
Territorial Pissings
Drain You
Lounge Act
Stay Away
On a Plain
Something in the Way

I Devonshire Mixes sono i pronto-ascolto realizzati da Vig perché la band potesse ascoltare le canzoni sia pure con dei missaggi approssimativi.

CD 4
Live at The Paramount Theatre

Jesus Doesn’t Want Me for a Sunbeam
Aneurysm
Drain You
School
Floyd the Barber
Smells Like Teen Spirit
About a Girl
Polly
Breed
Sliver
Love Buzz
Lithium
Been A Son
Negative Creep
On a Plain
Blew
Rape Me
Territorial Pissings
Endless, Nameless

Registrato in concerto al Paramount Theater di Seattle, Washington 31 ottobre 1991.

DVD
Il DVD contiene lo showcase al Paramount Theatre di Seattle e i videoclip dei quattro singoli: Smells Like Teen Spirit, Come as You Are, Lithium e In Bloom

Advertisements