Etichetta: Graveface
Tracce: 8 – Durata: 41:02
Genere: Rock, Pholk
Voto: 5/10

Hospital Ship è una band del Kansas dedita a un indie folk epico e pomposo che prende forma in Destruction In Yr Soul, album d’esordio di discreta fattura che però tende a camuffarsi tra decine di influenze (di tutto rispetto ma) incapaci di far emergere la personalità che, in qualche occasione spinge per venire a galla.
Otto brani, un paio piuttosto lunghi, per la maggior parte innocui, che spaziano tra il folk acustico e il rock sinfonico alla maniera degli Arcade Fire ma senza il dispiego di forze che i canadesi riescono ad impiegare ogni volta. Nelle intenzioni c’è tutto il meglio, compresa la direzione più strettamente minimale di certe ballate rurali come la piacevole Lost Folk Song, ma il risultato sembra sempre un tantino approssimativo se non addirittura artificioso. Una caratteristica che fa a pugni con l’essenza stessa del genere. 
La formula potrebbe funzionare se la band riuscisse a librarsi un po’ di più in momenti di profondità che, per esempio, è una delle caratteristiche che maggiormente manca a un pezzo quasi perfetto come All Yr Gold che si concretizza come una ballata circolare occultata da un crescendo lieve di suoni e rumori esterni, che sembrano sempre in grado di arrivare a fare la differenza, salvo poi rientrare nei ranghi e sparire dall’orizzonte. 
Non è tutto da buttare, tutt’altro, e l’approccio mesto dell’uso della voce torna spesso ad avere un senso nella dinamica di alcuni brani come l’ottima Desolation Waltz (un titolo che dice tutto) o la super romantica If It Speaks che è sicuramente uno dei numeri più riusciti ed interessanti del pacchetto. Peccato che Hospital Ship non riescano a mantenere il livello di guardia sempre così alto e siano maggiori le occasioni in cui la sensazione diventa quella che si ha al cospetto di un’occasione sprecata. Pur nella sua inequivocabile sincerità, Destruction In Yr Soul non possiede l’ingrediente fondamentale necessario a chi si cimenta in un genere così abusato: l’originalità. Aspettiamo il prossimo capitolo.

Annunci