Etichetta: Alpha South
Tracce: 4 – Durata: 16:12
Genere: Rock
Voto: 7/10

Primo di una serie di quattro EP che la band piacentina dedica ai generi della propria formazione musicale, Stereo Blues vol. 1: Punk Collection parte proprio da quel Punk Rock che lega molti musicisti e band  della loro (e mia) generazione alla passione stessa per la musica.
Lilith And The Sinneraints hanno scelto quattro brani legati al genere che ha spazzato via tutto, attuando un sincero rimaneggiamento ma cercando di mantenere intatta la pressione espressiva degli originali.
Quattro cover di altrettanti classici del rock (più una breve ghost track dedicata a un maestro come Richard Hell) che hanno il pregio di non giocare la carta gigiona dei grandi hit ma preoccupandosi di farci ascoltare brani ricercatissimi, alcuni anche poco noti qui in Italia, vestendoli del mood fumoso e caliente che la voce di Lilith riesce a conferire con la consueta chiave confidenziale.
Da dire c’è che a riuscire meglio sono le versioni in cui la band si appropria delle canzoni come fossero autografe. Sailin’ On dei Bad Brains, originariamente un pezzo hardcore veloce e fulmineo della durata inferiore ai due minuti, diventa un blues cariato e dolente, che sembra provenire dalla cantina di un vecchio beatnik. La foga settantasettiana dei Saints viene convertita in una cavalcata quasi tex-mex per dare nuova luce a quel formidabile gioiello che è I’m Stranded mentre Sound of The Sinners di The Clash si trasforma in qualcosa che somiglia a quelle che potevano (e dovevano) essere le intenzioni originarie di Strummer & Jones, camuffate da un arrangiamento country perfetto per una line-dance da ballare col chiodo borchiato.
Più vicina all’originale dei Television, invece, è See no Evil, estratta da quel capolavoro indimenticabile che fu Marquee Moon, con la voce della Lady in forma strepitosa.
Insomma, se il buongiorno si vede dal mattino, questo primo capitolo dello Stereo-Blues dei Sinnersaints preannuncia un’opera globale di grande valore. 
L’opera in questione, i cui quattro volumi usciranno a scadenze regolari, sarà poi raccolta in un unico packaging che li comprenderà tutti. I quattro EP sono stampati in tirature limitate, con una elegante scatola metallica, da prendere al volo.

Annunci