Quarant’anni fa, Il 10 dicembre del 1973, apriva i battenti al 315 di Bowery St nella Lower East Side di Manhattan a New York, il CBGB, uno dei locali fondamentali per la diffusione della musica giovanile americana. Il suo nome completo era CBGB – OMFUG, vale a dire l’acronimo di Country, Blue Grass, Blues and Other Music For Uplifting Gourmandizers ma era familiarmente soprannominato CBGB’s o anche, più brevemente CB’s.
Il suo fondatore, Hilly Kristal, aveva gestito, nei cinque anni precedenti, un fortunato locale chiamato Hilly’s che gli servì unicamente per racimolare i fondi da destinare al progetto di aprire un club nel quale proporre musica dal vivo. Considerato il nome originale, la sua idea era quella di ospitare principalmente artisti Country e Blues ma si trovò a diventare il Pigmalione della più influente corrente musicale degli anni 70, poi identificata con il nome di Punk Rock. Successe tutto piuttosto casualmente quando, nell’agosto 1973, crollò l’edificio in cui si trovava la sede del Mercer Arts Center , in cui era possibile ascoltare formazioni underground e band come Suicide, Wayne County & The Back Street Boys, in pianta stabile al Mercer, cominciarono a esibirsi al CBGB. Grazie al grande riscontro tra i giovani newyorkesi, il locale cominciò a diventare un autentico punto di riferimento per chi cercava le novità musicali dell’underground.
Nel 1974 il cartellone del club vantava nomi come Television, Ramones e Patti Smith e in un paio di anni il CBGB divenne “il” luogo di New York. Mentre nei grandi spazi primeggiava la Disco Music, nel “piccolo” locale di Bowery St. passava il futuro di quel rock americano che presto sarebbe diventato il punto di partenza per lo straordinario rinnovamento universalmente chiamato Punk Rock. Per fare solo i nomi più altisonanti, dal CBGB negli anni 70, sono passati Talking Heads, Mink DeVille, Heart BreakersThe Fleshtones, The Outkids e Blondie.
La sua fama contribuì a accendere anche la fiamma dell’Hardocore Punk degli anni 80, proponendo esordienti come no Gorilla BiscuitsAgnostic FrontWarzoneUrban WasteYouth of TodayMurphy’s LawLeewaySheer TerrorKilling Time e molti altri ancora.
Negli anni 90, a causa delle violenze provocate ai concerti Hardcore dentro e fuori dal locale, Kristal inventò il Matinee Day spostando l’orario dei concerti Hardcore al pomeriggio della domenica, assicurandosi così la possibilità di controllare maggiormente gli eccessi di entusiasmo del pubblico e… delle band. Nel cartellone delle serate, invece, i nomi erano quelli di  Jon Spencer Blues Explosion, PJ Harvey, Nick Cave e, in tempi più recenti, anche dei giovanissimi esordienti chiamati The Strokes.
In seguito ad una lunga battaglia legale tra il gestore e i proprietari dell’immobile, CBGB ha chiuso definitivamente i battenti il 30 settembre del 2006 (ne parlai QUI).
Hilly Kristal dichiarò alla stampa la sua intenzione di riaprire il locale a Las Vegas nel 2008 annunciando “Ho preso tutto, i bar, il palco, i cessi dove i Ramones hanno pisciato insieme a me. Ho preso tutto ciò che ha fatto di questo posto il CBGB’“. Ma, nonostante le buone intenzioni, non riuscì a mantenere la promessa per colpa di un cancro che lo portò via il 28 agosto del 2007.
Il CBGB, oggi, è visitabile presso lo stesso storico indirizzo. I gestori di un negozio di abbigliamento sorto dalle sue ceneri hanno voluto mantenere intatta la struttura del club, inclusi “i cessi dove i Ramones hanno pisciato insieme a Hilly Kristal

Annunci