Etichetta: Play It Again Sam
Tracce: 10 – Durata: 46:17
Genere: Pop Rock, Soul, R&B
Voto: 9/10

Joan As Police Woman continua con The Classic il percorso musicale iniziato col precedente The Deep Field, lavorando molto sulla musica nera ed applicando il suo, ormai inconfondibile, tocco vocale. 
Dopo i lavori giovanili, coi quali si proponeva come una dark lady alle prese con brani vagamente sperimentali ed oscuri, per certi versi vicini alle produzioni del suo caro Jeff Buckley, ha subito il fascino della Soul Music e ne ha incarnato lo spirito cercando di evitare, per quanto possibile, le caratteristiche revivalistiche pronunciandosi con quel verbo mantenendo inalterata la sua cifra stilistica. I riferimenti, prima che in Motown e Stax, sono da ricercare in quella scuola un po’ più sperimentale proveniente dai lavori di Al Green e Curtis Mayfield, dove la tradizione Rhythm & Blues si combina stupendamente con il Rock e la Psichedelia ma, cosa ben più rilevante, tenendo sempre un occhio bene aperto sull’attualità, anche fosse solamente nell’idea di insistere per avere collaborazioni con Joseph Arthur (Holy City) o con un dosatissimo utilizzo dell’elettronica. Ciò nonostante, The Classic ha, così come recita inequivocabilmente il titolo, una autentica devozione per i classici del genere Black, con perfino una discesa nel Doo-Wop magnificamente sorretto da una ritmica “vocale” attraverso il beat box di Reggie Watt (The Classic).
La “vecchia” Joan riaffiora in qualche piacevole occasione e la lunga Good Together, con un interessante coda in crescendo che sfocia nella Psichedelia dark, è sicuramente uno dei migliori, così come la ballata Get Direct che ci ricorda la sua passione per la musica di David Sylvian.
Shame, invece, è un bel Funk stile Sly Stone con un testo curioso nel quale Joan si paragona addirittura a Gesù, come a dimostrare che, effettivamente, non siamo più negli anni 60 quando, a fare una cosa del genere, si rischiava il linciaggio sulla pubblica piazza. 
The Classic è un disco brillante, forse il migliore della sua carriera fino ad oggi, con Wasser che si diverte e si sbizzarrisce a perlustrare sonorità intriganti e mescolandole tra loro, come in Ask me, dove il Reggae incontra il Gospel con sorprendente facilità. Un lirismo pieno di carattere e di sorprese ed arricchito da una voce molto maturata che imprime ad ogni canzone una maniera suadente senza rinunciare a quella punta di aggressività che la rende una delle più interessanti musiciste degli ultimi anni.

.
Joan sarà in Italia per quattro date ad aprile il 10 a Milano, l’11 a Ravenna, il 12 a Firenze e il 13 a Roma. Biglietti a prezzi accettabili, canali tradizionali.

.
 The Classic è in streaming integrale attraverso le pagine di The Guardian.

.
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=zS5pjxseTQM%5D

Annunci