Etichetta: Warp
Tracce: 13 – Durata: 47:11
Genere: Elettronica
Voto: 8/10

Il nuovo disco di Chris Clark dimostra come l’elettronica non sia uno “strumento” per rendere le cose facili. Nonostante l’utilizzo della materia digitale sia ormai consolidato in tema di musica pop, ci sono ancora moltissimi detrattori che sostengono che la musica debba provenire unicamente da strumenti tradizionali, magari annoverando tra questi anche la chitarra elettrica che, appare evidente, è ben lontana dalla tradizione. Naturalmente da queste parti l’elettronica gode di una buona fama e a fare la differenza, allo stesso modo se si parla di musica folk o soul, è la qualità della produzione. Con un album senza titolo, il buon Clark ci porta in mondi affascinanti dove si incontrano Aphex Twin con i T-Rex, Giorgio Moroder con i Talking Heads, i Kraftwerk con gli Sugarcubes. L’album è eclettico e riesce a coniugare la Club Culture con la sperimentazione, pur tuttavia senza calcare troppo la mano in quest’ultima. A farla da padrone, in linea generale, sono le sequenze melodiche che collegano un’algida precisione con segmenti morbidi e perfino romantici talvolta forieri di stupore per quanto appaia sorprendente apprendere che si tratta di un lavoro fatto per lo più sulla tastiera di un computer, con pochi (pochissimi) elementi cosiddetti classici. Lo stesso finiamo per rimanete incantati da movimenti minimali di una linea di pianoforte, che porta scompiglio nell’Ambient anni ’70 facendola somigliare alla House degli anni ’80 (Strength Through Fragility). Un lavoro che punta a non sembrare mai scontato riuscendoci con una qualità elastica e gradevole. 
Con tutti i maestri in fila a prendersi la propria fetta di ringraziamenti, Clark punta a fare un disco principalmente musicale, con una concezione un po’ retrò di “album”, dove la sequenza dei brani è parte integrante del progetto. Un disco che non fa finta di non accorgersi degli sviluppi fatti dall’electro nell’ultimo decennio ma sa sa guardare con identica intensità sia al passato che al futuro.