Grab your pen and take down this song. I just wrote the best song I’ve ever written, heck, I just wrote the best song that anybody’s ever written!” (“Prendi la penna e trascrivi questa canzone. Ho appena scritto il mio pezzo migliore; accidenti, ho appena scritto la migliore canzone che chiunque abbia mai scritto!”). Pare siano state queste le parole che la segretaria di Irving Berlin si sia sentita dire dall’autore di White Christmas la mattina dopo averla scritta.
Ad inciderla per primo fu Bing Crosby, nel 1942, ma cinque anni dopo fu costretto a reinciderla perché il nastro originale venne danneggiato a causa dei molteplici utilizzi e durante le feste natalizie del 1947 c’era ancora una grande richiesta per quel disco. In pochi lo sanno, perché per la nuova registrazione si cercò di replicare in tutto e per tutto quella del ’42, convocando per l’occasione la stessa orchestra di cinque anni prima (Trotter Orchestra) e lo stesso gruppo vocale di supporto (i Darby Singers). 
White Christmas, da più di settant’anni, rimane la più suonata tra le canzoni a tema natalizio e il disco di Crosby rimane ancora oggi il singolo più venduto nella storia della musica leggera ed è anche uno dei pochi dischi ad essere regolarmente in catalogo dal giorno della sua prima edizione.
Due anche le sue celebri apparizioni al cinema. La prima è del 1942, quando la canzone era appena nata, per il film Holiday Inn (in italiano La taverna dell’allegria), scritto da Berlin, diretto da Mark Sandrich, che era l’autore del testo del brano e interpretato da Fred Astaire e da Bing Crosby che canta White Christmas in una famosa scena e che gli frutterà un premio Oscar per la miglior canzone. Dodici anni più tardi, nel 1955, Michael Curtiz girò la commedia musicale intitolata come la canzone (in italiano Bianco Natale) che era una sorta di remake musicale del film di Sandrich, interpretato da Crosby, Danny Kaye e Rosemary Clooney e che rinnovò il successo commerciale della canzone.
White Christmas conta qualcosa come 350 cover realizzate in tutto il mondo (e in molte lingue) tra cui ricordiamo quelle di Barbra Streisand, Frank Sinatra, Otis Redding, Taylor Swift, Elvis Presley, Bob Marley, Stiff Little Fingers, Ella Fitzgerald, Neil Diamond, Diana Krall, Billy Idol, Elton John, Michael Bublè, Al Green ed anche dai nostri Andrea Bocelli, Irene Grandi, Laura Pausini e Alessandra Amoroso.