Etichetta: Spectrum Spool
Tracce: 9 – Durata: 24:34
Genere: Sperimentale, Elettronica
Voto: 7/10

Chi riesce ancora oggi, nonostante le facilitazioni offerte dalla tecnologia, a dare un senso alla parola sperimentazione merita senz’atro la nostra attenzione. Questo piccolo (nel senso di breve) album, firmato a quattro mani dalla cantante Anna Caragnano e dal polistrumentista Donato Dozzy, si sviluppa come un esercizio di elaborazione sonora partendo da suoni emessi dalla voce umana (di Caragnano, nella maggior parte dei casi) ed arrivando a soluzioni armoniche di brillante intuizione.
Il “gioco” è quello della stratificazione, qualcosa che ricorda le sovrapposizioni ottenute con le loop-machine ma si impegna per trovare uno sbocco nella ricerca più strettamente detta, nella quale una nota vocale prende diverse forme e direzioni, creando armonie e sviluppando melodie.
Molto matematico e, forse, in questo senso talvolta un po’ sterile, Sintetizzatrice è un lavoro piuttosto coraggioso che, proprio in virtù della sua ostilità, si prende qualche attimo di respiro giungendo a momenti perfino velatamente leggeri, al punto di far nascere una sorta di singolo promozionale con un brano complicato come Parola, l’unico pezzo a comprendere un vero e proprio testo che, ripetendo in maniera ossessiva i vocaboli “Protratta, ritratto, promessa, ritorno, protetta, trascino, pensiero, profondo, parola” ottiene una vera e propria linea ritmica che ricorda, se proprio volessimo associarla a qualcosa di noto, gli esperimenti della Laurie Anderson di Big Science. Qui, però, c’è  quasi solo elaborazione e la parte compositiva si limita a elucubrazioni di tipo metrico e matematico. Ciò nonostante, il lavoro è molto ben riuscito e la sua breve durata (poco meno di 25 minuti) non compromette mai l’attenzione di chi ascolta.

.
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=Gs2pnhNpXAc%5D