Etichetta: Autoproduzione
Tracce: 7 – Durata: 21:14
Genere: Pop Rock
Voto: 7/10

Guardi la copertina, leggi i titoli e i credits, tutti in inglese, e di primo acchito ti viene da chiederti perché, visto che Bricklane è una band di Genova.
Poi metti a girare il disco e ti accorgi che, nonostante la provenienza sia confermata, la band è tutt’altro che italiana. Il suono, l’attitudine e l’intenzione non ha niente a che vedere con la scena musicale del nostro Paese. Vai a leggere un po’ di biografia e ti accorgi che, prima di te, se n’erano accorti anche molti altri. Bricklane hanno un’attività live più intensa in UK che in Italia e il loro nuovo disco, un Mini-LP intitolato Dropped Cinema Popcorn, ha goduto della masterizzazione dei prestigiosi Abbey Road Studios di Londra.
La loro proposta musicale è ben inquadrata nel panorama Brit ed esposta con una tale dovizia di particolari che, se ha un difetto, è quello di apparire un po’ troppo didascalica ed enciclopedica nel contemplare i Kinks al pari degli Oasis, i Beatles quanto gli Stone Roses, come a dire che la scrittura dei Bricklane ha influenze ispiratrici massicciamente connotate.  Una scrittura che, va detto, è comunque talmente brillante, scorrevole e ben confezionata da far venire voglia di rimettere il disco a suonare di nuovo non appena finisce (e purtroppo finisce presto: poco più di 20 minuti totali).
Ci piacerebbe provare ad ascoltare i Bricklane cimentarsi con qualcosa di meno derivativo anche se, probabilmente, perderebbero un po’ del contagioso entusiasmo che questo piccolo disco trasuda. Quindi, non facciamoci problemi, non chiediamo di più anche quando ci viene offerto così tanto e lasciamoci andare. Alziamo il volume e, vai col repeat!

.
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=bQbIjkFf5yY%5D