Etichetta: Gente Bella / Costello’s
Tracce: 11 – Durata: 38:22
Genere: Synth-Pop
Voto: 7/10

Nati nel 2011 a Torino, i Nova Lumen propongono un pop elettronico, dalle evidenti sembianze retrò, in grado di proporre una musica leggera vagamente “colta”, impegnata a riesumare scenari cari a certo cantautorato sperimentale i cui nomi vanno dal Battiato de La Convenzione fino ai Bluvertigo della trilogia chimica.
Nel loro nuovo disco, Assurdo Universo, ci sono gli elementi della musica cosmica d’oltralpe a supporto di citazioni letterarie “alte” prese da Michel Houellebecq, Clifford SimakGuy de Maupassant, il tutto servito su un piatto synth-pop molto gradevole dove i suoni non mirano agli effetti speciali quanto piuttosto all’eleganza degli arrangiamenti.
Altra cosa sicuramente retrò è l’impianto dell’album, organizzato in modo da tenere costantemente un filo conduttore che gira attorno al concetto, poetico ma anche prosaico, della brevità della vita e delle conseguenze generate dal passare degli anni. 
Se un piccolo difetto si vuol trovare, bisogna cercarlo in una insistente mono-cromaticità dell’espressività vocale che sembra voler restare sempre un po’ indietro. Ma in fondo sembra una scelta stilistica che ha un suo senso, date le tematiche affrontate, sebbene sia facile immaginare che una vocalità appena un po’ più virtuosa potrebbe alzare il livello di alcune tacche.
Per il resto tutto bene: le trame ritmiche hanno una grana molto internazionale, così come i suoni scelti per le parti melodiche, entrambi perfetti per le liriche in italiano, scritte senza seguire metriche affannosamente matematiche e libere di adagiarsi sulle frasi musicali dei brani.
Un disco interessante per una band da tenere d’occhio.

.
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=ZWot-9KM39Q%5D