Etichetta: Prismopaco Records
Tracce: 5 – Durata: 17:38
Genere: Indie Pop
Voto: 7/10

Non si può dire che Richard J Aarden, il cantautore un po’ italiano e un po’ olandese che ha esordito con un brillante EP nel 2012, sia invadente. Solo in questi giorni è apparso sugli scaffali dei negozi il suo nuovo disco e, anche stavolta, ci dobbiamo accontentare di un mediometraggio con soli cinque brani per un totale di circa diciotto minuti di musica.
Epperò, bisogna dire che si tratta di musica molto piacevole che, pur senza grandi invenzioni, riesce nel compito di rendere gradevole il tempo che si dedica all’ascolto.
Con un gusto che abbina Tim Buckley a Robert Wyatt, Stolid & Bruised è un piccolo gioiellino Indie Pop che smuove con esemplare semplicità i nostri sentimenti, evocando sensazioni e ricordi così come fa un libro illustrato o un album di fotografie.
Atmosfere autunnali e un sapiente mix tra acustica ed elettronica fanno di questo piccolo disco un perfetto campionario di musica d’accompagnamento, perfetta per sottolineare i momenti di intimità domestica come un viaggio in auto tra le luci dei lampioni rese fioche dalle prime nebbioline stagionali.
Aarden lavora parecchio anche dietro le quinte (collaborando in veste di session man ma anche come arrangiatore e produttore) e visti i risultati dei lavori a suo nome, ci sembrerebbero maturi i tempi per ricevere un album in piena regola che, ascoltando le cinque tracce del presente EP, si configura come un piccolo miracolo annunciato.

.
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=9wxgOrwjiNA%5D