Etichetta: Woodworm
Tracce: 6 – Durata: 28:41
Genere: Pop Rock
Voto: 8/10

Chi, anche dopo lo storico e inaspettato scioglimento degli Scisma, ha continuato a seguire la carriera di Paolo Benvegnù, probabilmente conosceva già questo suo piccolo segreto, ovverosia di rimettere insieme la band originale. Non passava un solo concerto di Paolo in cui non ci fosse tra il pubblico qualcuno che chiedeva notizie riguardo questa possibilità. Ebbene, adesso il ritorno degli Scisma si è concretizzato e si intitola Mr. Newman, un EP nuovissimo in cui sono tornati al fianco di Benvegnù (quasi) tutti gli ex membri della band bresciana. All’appello mancano Danilo Gallo, rimpiazzato degnamente alla batteria da Beppe Mondini, e il chitarrista Diego De Marco il cui ruolo alla chitarra è stato preso in carico da Giovanni Ferrario, collaboratore storico della band che oggi impone il suo ruolo nella nuova line up firmando ognuno dei sei brani del disco in collaborazione con Benvegnù.
Le canzoni dell’EP sono uno straordinario ritorno a casa degli Scisma che ripropongono, consci dell’attualità della loro formula, un metodo di scrittura tra più originali ed influenti della nostra canzone. Una band che si è sciolta oltre un decennio fa con la motivazione ufficiale di “troppo amore”, in effetti, non poteva rimanere separata per troppo tempo. Quell’amore, per la canzone e la musica, sarebbe inevitabilmente tornato in scena prima o poi. Questa è la ragione per la quale Mr. Newman è riuscito a entrare nelle case di molti affezionati quasi come se questi anni non fossero passati. 
C’è amore, infatti, che trasuda nei testi e nelle sensazioni che il disco provoca. Si sente tutta la passione che aleggiava durante le session di registrazione e non è difficile immaginare nemmeno quella che c’era quando l’idea concreta di un ritorno cominciava a prendere forma. È indiscutibile che sentire la voce di Benvegnù, di nuovo contrapposta a quella di Sara Mazo è un’emozione fortissima. La loro capacità di essere complementari, di sapere quando arriva il momento di lasciar respirare l’altro, è qualcosa di impareggiabile.
Sei canzoni tutte di qualità altissima, basate su un canone che appartiene alla band in maniera indissolubile, diventando marchio di fabbrica inimitabile.
La band ha organizzato un piccolo tour di supporto al disco e l’augurio che molti si fanno è proprio che questi concerti e questo disco diventino l’inizio di un nuovo corso. Dovesse comunque rimanere un capitolo isolato, non ci sarebbe nulla di cui lamentarsi, visto il livello di qualità offerto.
Per i fan dell’ultima ora, poi, la band ha provveduto a riproporre, proprio in occasione dell’uscita del nuovo disco, anche le riedizioni in vinile dei due album Rosemary Plexiglass e Armstrong, venduti singolarmente oppure nel cofanetto Omnibus assieme al nuovo EP.
Un ritorno splendido, un disco all’altezza.

.
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=Dizk51eF7sg%5D