Cinquant’anni fa, il 10 novembre del 1965, arrivò alla posizione numero uno della classifica americana il singolo Get Off of my Cloud di The Rolling Stones.
La canzone, registrata un paio di mesi prima, aveva l’ingrato compito di bissare il successo di (I Can’t Get no) Satisfaction  su precisa richiesta della Decca che voleva un pezzo che fosse altrettanto forte. Le aspettative non furono disattese e Get Off of my Cloud  arrivò in vetta sia in UK che in USA (più tardi anche in Germania e Francia e in Top 10 in Norvegia, Austria, Irlanda e Olanda) sia pure senza rimanerci tanto a lungo quanto il disco precedente.
Gli Stones hanno spesso dichiarato che Get Off… era nata dalla naturale reazione alla improvvisa crescita di popolarità dovuta allo strepitoso successo planetario di Satisfaction. Le alte aspettative che il pubblico (e di conseguenza la casa discografica) si era creato su di loro, spinse il gruppo a scrivere un brano che recitasse nel titolo un (più o meno esplicito) “lasciateci in pace”. Get Off of my Cloud, più o meno “scendi dalla mia nuvola”, tuona nel ritornello e diventa un perentorio grido di insofferenza che si trasformerà nel perfetto seguito dell’insoddisfazione del singolo precedente.
Costruita in chiave di MI, come una sorta di variazione del riff di Louie Louie, la canzone si basa su un pattern melodico I, IV e V, su accordi MI-LA-SI-LA, introdotti dal ritmo indiavolato di Charlie Watts, sul quale si insinuano le chitarre di Keith Richard e Brian Jones. Quest’ultimo suona anche una 12 corde acustica che è possibile ascoltare nel missaggio mono mentre risulta praticamente impercettibile in quello stereofonico. 
Con un sound tagliente e duro, sia pure ammorbidito da un pianoforte suonato da Ian Stewart (sebbene in alcune fonti sia attribuito a Brian Jones), Get Off of my Cloud  arrivò su 45 giri come una tipica rebel-song anni ’60 dove Mick Jagger cercava di esprimere l’insofferenza dei suoi coetanei per il conformismo degli adulti. L’atteggiamento aggressivo perfettamente in linea con l’immagine anti-Beatles che si voleva dare agli Stones in quegli anni, fu determinante per rendere la canzone un classico intramontabile del Rock’n’Roll.
.

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=J8Mu0M-bN3E%5D