Etichetta: Lizard Records
Trace: 11 – Durata: 39:52
Genere: Folk Pop, Nu-Prog
Voto: 6/10

Band di estrazione Progressive con radici ben piantate nell’universo del Folk Rock, Lingalad sono fondamentalmente la band di Giuseppe Festa, giovane scrittore milanese che, oltre ad aver pubblicato tre romanzi, è attivo anche come sceneggiatore per il cinema e autore per la TV. Con Lingalad ha già realizzato altri cinque album, esordendo nel 2001 con un lavoro ispirato a Il signore degli anelli di Tolkien, accolto molto bene dalla critica.
Le strutture compositive, nella musica dei Lingalad, sono quelle tipiche e un po’ desuete del Pop Rock italiano del passato, che tradiscono una passione viscerale per le canzoni dei cantautori più ispirati e per le complesse trame melodiche den nostro ProgRock. Immaginatevi, così solo per avere un orientamento generale, un mix tra Angelo Branduardi e la Premiata Forneria Marconi (periodo Premoli/Pagani, per capirci). I Confini armonici del loro nuovo album sono sicuramente molto ben delineati e, per la parte lirica, ispirati a due diversi romanzi dello stesso Festa con la band impegnata nel compito di renderli coesi e sequenziali, con una struttura molto simile a quelle dei ConceptAlbum degli anni ’70.
Con una confezione cartonata elegante e molto curata, ricca di fotografie e con un booklet dedicato ai testi, Confini armonici è un disco fuori dal tempo che saprà sicuramente trovare uno sbocco espositivo tra gli appassionati del Nu-Prog. Va detto che non tutto funziona alla perfezione e, sebbene la preparazione e la tecnica siano della più bell’acqua, le muse ispiratrici sono spesso un po’ invadenti rendendo la cifra della band poco evidente. Molto probabilmente l’intenzione era proprio quella di non nascondere un sincero citazionismo che, in un certo senso, connota l’album come un progetto architettato con cura esemplare. Un soffio di leggerezza in più e qualche manierismo in meno avrebbero probabilmente reso il disco più efficace commercialmente ma lo avrebbe anche privato di una intenzione aulica che solo questo “genere” riesce a conferire nel migliore dei modi.

.
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=iFvRwbAdSa4%5D