zitti_composito2Etichetta: Kutmusic
Tracce: 7 – Durata: 28:29
Genere: Ambient
Voto: 7/10

Ho scritto “Ambient” alla voce “genere” perché fondamentalmente mi sembra quello che maggiormente si avvicina al risultato ottenuto dall’italo francese Guido Zitti su Composito.
Se è vero che l’ambient è un genere che si ascrive alla musica elettronica, qui siamo piuttosto fuori dal seminato perché, sebbene gli arrangiamenti siano stati costruiti in maniera digitale (da Hannibal Max), la parte del leone è sviluppata con il Disco Armonico M.D.R. che è, fino a prova contraria, uno strumento acustico a percussione.
Ottenere un universo sonoro tanto peculiare, utilizzando uno strumento così poco versatile, è un compito piuttosto arduo e l’idea di Zitti di abbinarlo alle tematiche della musica sintetica è probabilmente la chiave perfetta per renderlo adattabile alle strutture della musica tonale.
Le sette tracce del disco sono tutte splendidamente scritte e il Disco Armonico svolge un compito solista sempre di ottimo livello. 
Come succede con gli strumenti così rigidamente impostati, la difficoltà maggiore è sempre quella di saper equilibrare le dosi, svicolando dal rischio di diventare ripetitivo. In questo viene in aiuto l’abilità dell’autore che consente agli arrangiamenti di farsi largo ogni qual volta si avvicinano i bordi della ridondanza.
Anche la durata globale, che sfiora per difetto la mezz’ora, si pone come un ulteriore valore aggiunto. Se nelle performance dal vivo lo spazio alle improvvisazioni diventa imprescindibile per lo svolgimento dello spettacolo, su disco non avrebbe la stessa forza e Zitti si preoccupa di restare nei margini del pentagramma.
Un lavoro interessante, per comprendere le affascinanti potenzialità di uno strumento così singolare innescato in sette gioiellini elettronici educati e complementari.