ladyubuntu_epocaep2Etichetta: Periferica Produzioni
Tracce : 5 – Durata: 18:26
Genere: Pop Rock
Sito: https://www.facebook.com/LadyUbuntu/
Voto: 6/10

Usare il termine zappiano era quello che mi ero preposto mentre procedevo nell’ascolto del nuovo EP dei Lady Ubuntu di Alessandria.
In realtà il signor Frank Zappa non andrebbe scomodato così leggermente ogni qual volta qualcuno scrive testi caustici e sarcastici svicolando dal seminato della musica leggera.
Sicché cancellate questa informazione ma tenetene conto. In questo modo la recensione potrebbe tranquillamente finire: ho la presunzione di avervi dato elementi sufficienti per ottenere un’idea precisa di quello che Epoca stupida e feroce contiene, vale a dire canzoni strampalate (in senso zappiano buono) con testi erosivi e pungenti, strillati alla maniera di Pierpaolo Capovilla per illustrare uno scenario desolante in maniera cruda e ribelle, così come i grandi maestri del Rock ci hanno insegnato.
In una miscela che contempla la ricerca sonora (elettronica) con la grinta del Punk Rock, Lady Ubuntu licenziano un EP troppo breve per esprimere in modo esplicativo una così ampia gamma di sentimenti negativi.
Non c’è modo di sopravvivere per un essere umano in quest’epoca è un pezzo sgradevole, acido, inferocito. È quello che illustra nella maniera più lucida il concetto di Epoca stupida e feroce, che il trio alessandrino cerca di mettere in scena. Ma è buona anche la disillusa Sogno N°1 (dalle atmosfere vagamente imparentate con quelle degli Offlaga Disco Pax) e notevole anche il “buffo” duetto con Il Re Tarantola (Le Passioni) che ammicca al Pop tra Rino GaetanoRettore ma… tutto finisce troppo velocemente. È come iniziare una zuffa e venire fermati dal solito paciere di turno (in questo caso interpretato dal remix della Title Track) prima che ci si possa togliere la soddisfazione di averla avuta vinta.

Insomma: Epoca stupida e feroce è un buon veicolo per incuriosire ma… adesso vogliamo di più.