adam_carpet_parabolas2Etichetta: Irma Records
Tracce: 8 – Durata: 47:36
Genere: Elettronica, Pop Rock
Sito: http://www.adamcarpet.com/ 
Voto: 7/10

Adam Carpet, quintetto milanese dedito a una elettronica a metà tra il dream-pop e post-rock, arriva al passaggio del secondo album con una selezione piuttosto azzeccata. A sentire la band stessa, il nuovo album è il frutto del denso lavoro effettuato nei tre anni che separano questo album dal precedente. In questo periodo la band ha intervallato le esibizioni live a una fitta attività di composizione che ha fruttato una abbondante quantità di musica di cui gli otto pezzi di Parabolas sono una selezione epurata.
Figli piuttosto ossequiosi di band come Mogwai, i milanesi riescono nel compito di estendere le intenzioni cinematiche a stratificazioni vagamente math, con in testa elucubrazioni musicali di maestri come Tortoise e Battles.
Sicuramente, paragonati al panorama internazionale, Adam Carpet non spiccano per particolare originalità ma la loro proposta è squisitamente pregiata, realizzata con cura e devozione e, senza alcun dubbio, piuttosto univoca nella scena indie italiana. 
Parabolas ha anche la felice intuizione di liberarsi da certe imposizioni per approdare a una fruibilità maggiore, con momenti che potrebbero addirittura stregare qualche illuminato DJ. 
La cosa che si percepisce più di tutte è l’intenzione di lasciare a questi brani un impronta live nonostante l’immenso e capillare lavoro di studio, fatto di rifiniture, stratificazioni e montaggi. Una caratteristica, questa, che denota la capacità della band di muoversi con disinvoltura in entrambe le dimensioni, quella sul palco e quella in studio che, pur essendo distanti e diametralmente opposte, devono trovare il modo di incontrarsi. Ecco, forse la parabola del titolo è proprio quella efficace e conseguita che li unisce in modo efficace e credibile.