Etichetta: Autoproduzione
Tracce: 10 – Durata: 44:59
Genere: Pop, Acustico
Sito: Facebook
Voto: 6/10

Proveniente da Matelica, vicino a Macerata, Il Passato è un duo che lavora da una decina d’anni sulla ricostruzione di una canzone d’autore di stampo acustico e un po’ alla vecchia maniera (come suggerisce il moniker).
Anatomia di un errore è il terzo lavoro discografico, realizzato in modo indipendente e autonomo, ed anche il primo nel quale compaiono spunti di arrangiamento di più ampio respiro e che puntano a trovare una via autonoma in un ambito in cui non è più tanto facile riuscirci.
Nell’esigenza di esprimersi in maniera univoca, Francesco Romaldini e Filippo Ubaldi svolgono il compito in modo chiaro, sviluppando il processo produttivo con ritmi e metodi scevri dai vincoli rigidi imposti generalmente dal mercato, per una caratteristica che, se da un lato è un plus valore in favore di un album certamente poco omologabile con la produzione italiana attuale, dall’altro penalizza leggermente la fruizione per una eccessiva densità. Le canzoni sono tutte un po’ troppo verbose e manca qualche appiglio di brillantezza nelle composizioni che, nella dinamica dell’album, rischia di rendere l’ascolto globale vagamente monocorde. Presi singolarmente, invece, i pezzi funzionano molto meglio e si intuisce una notevole ispirazione dei due autori.

Con materiale come questo mi viene da immaginare lavoro maggiormente poliedrico, magari anche un po’ sperimentale, in grado di appellarsi al prog rock più raffinato assieme alle derive folk di certo cantautorato recente sulla falsariga di Bonnie “Prince” Billy e Iron & Wine, o anche Niccolò Fabi e Vasco Brondi, vista anche la dichiarata passione per certi autori illustri della nostra canzone come Ivan Graziani (di cui viene ripresa Fuoco sulla collina). 
Insomma, il materiale c’è, il talento pure. Basterebbe qualcuno che riuscisse a misurare un po’ meglio l’aspetto glamour di queste canzoni è Il Passato potrebbe fare la differenza nella scena della nuova canzone d’autore italiana.

Advertisements