deisonmingleEtichetta: St.An.Da
Tracce: 10 – Durata: 52:35
Genere: Elettronica, Ambient, Drone Music
Sito: www.deison.net/
andreagastaldello.blogspot.com/
Voto: 8/10

Terzo e conclusivo capitolo della trilogia che Cristiano Deison and Andrea Gastaldello (in arte Mingle) hanno realizzato a partire dal 2014 e che si configura come un lavoro di grande ricerca sonora nella quale il duo abbina gli insegnamenti di Pierre Schaeffer con la tecnologia dei giorni nostri, combinando alla perfezione il concetto della musica concreta ed acusmatica con i dettami specifici della musica tonale, con l’inevitabile utilizzo del computer e perfino con qualche richiamo evidente al kraut rock di marca Kraftwerk (Hole).
Deison & Mingle dimostrano un affiatamento molto peculiare che si concretizza nella passione per la ricerca che li porta a sviluppare temi e tematiche sonore curiose e brillanti. 
deisonmingle_innersurfacecdPassando da glitch oscuri e inquietanti (Breach), Innersurface arriva a brani di ampio respiro fatti di lenti crescendo e di stratificazioni affascinanti (Cisterna) passando da momenti vicini al post rock (Reverse) e altri più affini all’ambient di casa Eno (It Was, con l’ospitata di Nicola Manzan, in vacanza dai Bologna Violenta, al violino).
L’ambientazione drone-music è solo un pretesto per mettere in scena un album di splendida efficacia, dove le atmosfere diventano quasi istantaneamente tangibili, creando sensazioni ed evocando paesaggi attraverso un linguaggio musicale e una forma compositiva che continua ad arricchirsi di modalità espressive.

Per i nostagici dell’electro-rock anni ’80, la ghost track è un affascinante remake di Blato dei Borghesia.

Advertisements