slowtide_logoEtichetta: Prismopaco
Tracce: 11 – Durata: 38:41
Genere: Pop
Sito: Facebook
Voto: 7/10

Un po’ lombardi e un po’ piemontesi, gli Slowtide sono una band con ambizioni internazionali le cui canzoni cercano di fare breccia tra un pubblico molto ampio che contempla tanto i fans di XX e Beach House quanto quelli di Fleetwood MacThe Cranberries.
La proposta dell’eponimo album d’esordio punta, esattamente come quella dei gruppi sopra citati, a una qualità di pop dal carattere raffinato, con orchestrazioni elettroniche ben congegnate e ben prodotte che ambiscono a un bacino d’utenza molto ampio se non proprio in ambito geografico sicuramente in quello generazionale. Le canzoni hanno strutture piuttosto classiche, dal gusto maturo, con sperimentazioni sempre presenti ma  lasciate nelle retrovie, che si muovono negli ambiti di strutture tradizionali e rassicuranti in grado di fornire momenti di conforto auditivo grazie anche alla doppia opzione vocale che alterna la timbrica maschile di Michele Rossetti a quella femminile di Annalisa Bosotti.

Il disco scorre piacevole seppure senza momenti di grande brivido, si adagia sulle inequivocabili qualità esecutive di tutti i componenti dalle quali emerge il bisogno degli Slowtide di trovare di una strada personale che appare ancora un po’ confusa nella miriade di ispirazioni e di modelli. Non sono certamente difetti gravi e sono spesso ripagati dal senso della misura che mantiene i brani all’interno dei ranghi del buon gusto, evitando trabocchetti nei quali è facile cadere quando ci si misura con sonorità così epiche ed enfatiche. 

Annunci