immc2Etichetta: Costello’s
Tracce: 10 – Durata: 37:22
Genere: Pop
Sito: Facebook
Voto: 7/10

Walter Ferrari è un giovane. Scrive canzoni e le registra, a casa sua, da solo, sul Mac.  
Una pratica piuttosto comune, qualcosa che moltissimi ragazzi nel mondo fanno in modo cospicuo. Walter si cela dietro un curioso moniker (I miei migliori complimenti) e si dimostra simpatico e (auto)ironico nel metodo espressivo utilizzato per produrre cinque canzoni deliziose. Il titolo, Le disavventure amorose di Walter e Carolina, dice tutto: due ragazzi si incontrano, si piacciono, si frequentano e si innamorano e poi… si lasciano. Nessun nome viene cambiato per proteggere gli innocenti e si fanno nomi, cognomi e marchi commerciali (Gattullo, dove il protagonista fa colazione nella prima traccia del disco, esiste davvero ed è una delle più note pasticcerie della Milano-bene).

Una specie di Questo piccolo grande amore in versione moderna, dove bastano cinque pezzi a raccontare quello che Baglioni fece in quindici e dove un computer sostituisce l’orchestra e le decine di musicisti necessari nel 1972.
Cambiano i tempi, restano i metodi. I ragazzi di oggi si innamorano, ascoltano le canzonette e ci si riconoscono allo stesso modo di quelli di 45 anni fa; col vantaggio che oggi, a differenza di allora, anche i ragazzi che solitamente ascoltano musica più ricercata e indie sono disposti a concedersi a canzoni meno impegnate e impegnative (come dimostra il successo di TheGiornalisti).
Quindi Walter è sulla strada giusta, il suo disco è brillante, moderno e allo stesso modo un po’ retrò e queste caratteristiche rendono plausibile una sua apparizione nelle sfere delle classifiche ufficiali di vendita (Anche se il titolo, lungo quasi quanto un tweet, costringerebbe la FIMI a ritoccare il sito per farlo apparire unito all’altrettanto chilometrico pseudonimo). Ad ogni modo, Walter punta alla più tradizionale delle forme-canzone e pone le fondamenta sulla forza espressiva del pop, del quale sembra conoscere i metodi più efficaci per scrivere almeno cinque esemplari impeccabili.

I miei migliori complimenti invoca Luigi Tenco conscio di essere lontanissimo da quel rigore, e sgomita per imporre una cosa differente in un panorama un po’ tutto uguale. Walter si presenta come uno di noi, che dice “dekstop” e rimane comunque figo, che usa il Melodyne (o Autotune) in maniera esagerata ma si perdona perché riesce a fare rima tra Pasta e Alaska.
Walter è stato libero di fare quel che voleva ed ha fatto un piccolo gioiellino pop. Inizialmente distribuito a mano a pochi amici e conoscenti (nel 2015), Le disavventure amorose di Walter e Carolina è finalmente pubblicato in maniera ufficiale dalla Costello’s che lo arricchisce con un “remix pack” nel quale compare l’intera tracklist passata per le mani di alcuni producer (Urameshi, Polezky & HOOVR, breathe indoors, Eshla ed Emvnuel)  che ne propongono versioni nuove, rinfrescate e rinfrescanti.
Mi sembra che tutti passaggi siano stati fatti nella maniera corretta. Ora è arrivato il vostro turno: cercatelo!

Annunci