mingle_bw2Etichetta: Kvitnu
Tracce: 8 – Durata: 37:95
Genere: Ambient, Elettronica
Sito: andreagastaldello.blogspot.it 
Voto: 8/10

Riuscire a dare un’impronta distinguibile a un genere annoverabile ormai tra i classici della musica moderna come l’ambient, è sicuramente un compito difficile il cui compimento è privilegio di pochi. Uno di questi è Mingle, musicista di origine mantovana attivo discograficamente da una decina d’anni durante i quali s’è distinto per una crescita artistica precisa e ben definita.
Partito da un’elettronica di derivazione pop con il “suo” A.G. Project e passato perfino dall’esperienza con una delle più brillanti indie-band degli anni zero (De Curtis), Mingle è oggi giunto ad un progetto musicale che assesta le fondamenta su un sound-design di eccellente efficacia, che gli consente di elaborare tessiture ambientali evocative, affascinanti e talvolta perfino commoventi. 
Il suo nuovo disco si chiama Ephemeral ed è un bellissimo viaggio all’interno dell’anima, espresso da piccoli ritmi sincopati, tappeti sonori minimali, soffi sotterranei, sempre in bilico tra concretezza e inconsistenza ma foriero di trame subliminali bislacche e incoerenti ma che, esattamente come accade in certi sogni, raggiunge un finale lieto per ciò che inizialmente sembrava angosciarci.

Fuggire dal reale per rifugiarsi anche per un solo istante nell’inconsistenza dell’effimero (Ephemeral, appunto) sembra il compito che si prefigge Mingle svolgendo la sua opera. E il proposito è sicuramente attuato, restituendoci tre quarti d’ora di pura meraviglia che sa come adeguarsi ai nostri momenti di fragilità, concedendosi come un momento di ineluttabile “assenza” e imponendosi come viatico per il raggiungimento della quiete. Dell’animo e non solo.

La versione Digital Download comprende un brano extra (Vaporized) realizzato in collaborazione con Plaster.

 

Annunci