calexico_duoEtichetta: City Slang
Tracce: 15 – Durata: 48:32
Genere: Folk Rock
Sito: www.casadecalexico.com 
Voto: 7/10

Il combo guidato da Joey Burns e John Convertino arriva al nono disco di una discografia che nella realtà, tra live, tour-album, edizioni speciali collaborazioni e quant’altro, supera la trentina. The Thread That Keeps Us è, un po’ come lo fu Garden Ruins nel 2006, un album nel quale i Calexico cercano di esprimersi con un linguaggio meno strettamente legato al loro stile, concentrandosi più su altre forme espressive come il folk del singolo End Of The World With You, la vagamente ‘neilyougiana’ Bridge to Nowhere, lo pseudo reggae di Under The Wheel e perfino qualche accenno di funk (Another Space), dark blues (Death in The Water) e psichedelia in odor di The Doors (Shortboard). Tutto questo per  delineare una scelta stilistica che se da un lato appare in effetti meno consueta, dall’altro mette in evidenza la maggior efficacia della band quando s’appella al mondo dei mariachi (Flores Y Tamales), con ballad calienti (The Town & Miss Lorrain) e corde impolverate dalla sabbia del deserto (Musical Box). 

La vera novità di questo album (in effetti ce n’è una) non risiede negli arrangiamenti o nei giri armonici: a ben guardare i Calexico hanno preferito tenere in questo ambito un profilo più basso per conferire a The Thread That Keeps Us la caratteristica di disco “impegnato” e fare in modo che ad emergere fosse soprattutto un rinnovamento lirico, con una maggiore attenzione alle tematiche “sociali” evidentemente poco applicabili alle classiche cumbia del loro repertorio. In questa nuova uscita Burns e Convertino sentono di dover esprimere il disagio percepito da molti americani dopo l’ultimo cambio di inquilini alla Casa Bianca, assieme a preoccupazioni per il futuro del pianeta e dell’impoverimento culturale dei suoi abitanti.
Musicalmente, è vero, non hanno spinto molto sul pedale del gas ma la band rimane comunque saldamente legata a uno stile e a degli stilemi che non faticheranno ad entrare nel cuore dei molti seguaci che, in tutto il mondo, non vedono l’ora di suonare anche questo nuovo lavoro per poi andare a cantarlo in coro sotto il palco ad uno dei loro prossimi concerti.

Tre date italiane, per ora, sono confermate a marzo:
Martedì 13/3 Roma @ Auditorium Parco Della Musica
Mercoledì 14/3 Milano @ Alcatraz Milano
Venerdì 16/3 Bologna @ Estragon

Annunci