btf_band200Etichetta: Autoproduzione
Tracce: 6 – Durata: 20:53
Genere: Pop Rock
Sito: Facebook
Voto: 6/10

Padovani, Breaking The Fence si esprimono con un pop rock di stampo piuttosto classico, denso di ispirazione e capace di creare piccoli inni generazionali gustosamente declinati all’italiana.
Questo EP di presentazione è un valida dimostrazione della preparazione e dell’intento di una band che è decisamente rock e, in quanto tale, lontana da ambizioni di carattere innovativo, ancorata con forza e convinzione a un genere granitico che continua, nonostante tutto, a rimanere megafono efficace per la rabbia giovanile.
Sorretti da una produzione decisamente raffinata, 
BtF si appellano a un suono piuttosto ruvido con un’attitudine che deriva dai fasti degli anni ’90 quando grunge, crossover e metal andavano in classifica, proponendosi come un’alternativa, al di sopra delle mode e delle tendenze, per la musica giovanile.
Il quintetto, raffigurato sulla copertina di Niente Rimane in un grido liberatorio, macina potenza e grinta nella consapevolezza di dover sgomitare parecchio per emergere in un momento storico in cui i giovani sembrano interessati ad altri universi e mostrano orgogliosi una caparbia sicurezza in una proposta che sottrae, intenzionalmente, ogni finalità sperimentale e facendosi forti proprio di questa linea conservativa.
Il nome della band, secondo la cartella stampa, deriva da un evento del loro passato finendo per diventare il manifesto programmatico della loro musica. Bello e suggestivo e, proprio per questo, mi permetto di suggerire di usarlo in italiano. Rompere la transenna è un nome sicuramente più figo del suo equivalente inglese.

Annunci