Keith-Jarrett-JS-Bach-The-Well-Tempered-Clavier_CDEtichetta: ECM
Tracce: 48 – Durata: 96:38
Genere: Classica
Sito: Facebook 
Voto: 8/10

Da qualche settimana la ECM ha reso disponibile la registrazione inedita di un concerto dal vivo di Keith Jarrett alle prese con il primo libro (BWV 846-869) del Clavicembalo ben temperato di Johann Sebastian Bach.
La registrazione però non è dei giorni nostri ma effettuata nel marzo 1987 presso la Troy Savings Bank Music Hall di New York, un luogo rinomato per la sua eccellente acustica, nel corso della presentazione ufficiale dell’album (uscito il mese prima) che contiene la versione in studio della stessa partitura e ricordato come la prima di una serie di acclamate registrazioni di Jarrett dedicate a J.S. Bach.
Quando uscì il disco, l’approccio moderato e poetico di Jarrett agli iconici preludi e fughe del maestro tedesco, sorprese molti ascoltatori. Il pianista all’epoca dichiarò: “Quando suono Bach, non sento la musica, sento quasi il flusso del pensiero.” e dev’essere stata proprio quella percezione a consentirgli di attivare i contrappunti in modo originale, rendendo inconfondibile il suo approccio al lirismo melodico di Bach.
La registrazione dal vivo che esce in questi giorni mette ancor più in evidenza queste qualità conferendo al primo libro del Clavicembalo ben temperato l’energia e la tensione aggiuntiva della performance da concerto.
Jarrett ha sempre sostenuto la tesi secondo cui un improvvisatore come J.S. Bach debba essere interpretato da chi sia in grado di liberarsi dalle imposizioni della musica scritta. Che abbia o meno ragione (le scuole di pensiero si sprecano), certamente un musicista come lui ha ragione di sentirsi vicino a quello spirito, proprio in virtù della sua capacità/necessità di improvvisare.

Annunci