pixies_2019qEtichetta: BMG / Infectious
Tracce: 12 – Durata: 38:54
Genere: Rock
Sito: pixiesmusic.com 
Voto: 8/10

E insomma, i Pixies stavolta si sono impegnati e, in barba a chi temeva che sopravvivessero solo in virtù di un grande passato, hanno (finalmente) realizzato un album degno del loro nome e della loro storia. Un disco che davvero viene voglia di comprare perché si allontana dal manierismo “un tanto al chilo” dei due dimenticabili episodi precedenti mettendo assieme dodici canzoni che si appellano al marchio di fabbrica ma senza farne sterile schermo.
Appare evidente che Paz Lenchantin (basso) sia finalmente riuscita a ritagliarsi un ruolo nella band che non sia quello di “sostituta di Kim Deal” e che finalmente i Pixies siano serenamente liberi di essere nuovamente una band in grado di tenere testa ad una delle più ingombranti identità del rock del XX secolo.
pixies-bte_CDBeneath the Eyrie non è un disco coraggioso, non cerca nuove strade, non ambisce a cambiare il mondo, al contrario si spoglia di certa alterigia, che presumibilmente i Pixies si sentivano in dovere di dimostrare, per ammorbidire i toni in favore di una linearità pop che rende le canzoni del disco squisitamente orecchiabili.
Il numero di apertura (In the Arms of Mrs. Mark of Cain), è una bomba catchy che sfodera un riff fuori ordinanza che ti rimane attaccato per ore. E se con un decollo così si è disposti a perdonare anche qualche flessione nello svolgimento dell’album, si rimane piacevolmente sorpresi nel notare che qui di flessioni vere e proprie non ce ne sono. Beneath the Eyrie scorre fino alla fine col medesimo livello di qualità, inanellando pezzi potenti che mostrano un’ispirazione eccellente frutto di un gruppo coeso e in stato di grazia desideroso di riscattarsi dalle critiche di chi (sottoscritto incluso) trovava i dischi post-reunion meramente funzionali a un’attività dal vivo nella quale non venivano nemmeno inclusi nelle setlist.
Ecco, questo per dire che invece Beneath the Eyrie ha tutte le caratteristiche per diventare il fulcro dei prossimi concerti, con forza, credibilità e una coerenza stilistica che i Pixies sembrano smaniosi di rimettere in campo in grande stile.

Annunci