pentothal_capra_topEtichetta: MiaCameretta
Tracce: 7 – Durata: 23:29
Genere: Pop Rock
Sito: Facebook, Instagram 
Voto: 7/10

Un ritorno non solo sorprendente quello dei Pentothal a dieci anni dall’ultimo lavoro (Nell’anno del Signore, 2010), ma certamente anche gradito perché Sopra la panca la capra campa… sotto la panca la capra crepa è un album che ribadisce la qualità della scrittura di Alessandro “Toso” Tosto oltre che le inequivocabili capacità di una band che aveva evidentemente bisogno di staccare un po’ la spina prima di rientrare in scena in modo così convincente.
pentothal_banda2Sopra la panca…, in poco meno di mezz’ora, affronta ambiti sonori piuttosto diversi che partono dal reggae stralunato della title track e arrivano a quello più canonico della traccia conclusiva (Il falò). In mezzo troviamo incursioni nel funk dislessico di In arte giumenta, nel folk punkeggiante di Puttana Eva e nell’evidente omaggio a Tom Waits di Domenica di ferragosto.
Testi originali e stravaganti combaciano perfettamente con le linee melodiche e tutto sembra scorrere nella più rassicurante esilità.
Non certo il disco che cambierà le sorti della musica pop ma probabilmente uno dei più riusciti toccasana contro le angosce della vita moderna.